Gli Attrezzi per la Raccolta delle Olive
Cosa serve necessariamente

U.N.A.P.OL.

Per la raccolta delle olive esistono varie metodologie applicabili, in base al posizionamento dell’oliveto, alle sue dimensioni, alle condizioni degli alberi e alle disponibilità economiche.

Possiamo raggruppare queste metodologie in tre gruppi principali:

• a mano – brucatura, pettinatura, raccattatura

• con macchine agevolatrici – abbacchiatura, scuotitura

• con attrezzature di grandi dimensioni – vibratori al tronco o alle branche, con la trattrice

In base alla tecnica di raccolta prescelta cambiano anche gli attrezzi utilizzati. Tranne due casi, oggi peraltro in disuso, tutti gli altri necessitano di uno strumento comune: le reti.

raccogliere olive a mano

Le reti per la raccolta delle olive
Le reti svolgono due compiti fondamentali: evitano che le olive cadano direttamente a contatto con la terra e facilitano la loro successiva raccolta per essere sistemate nelle apposite cassette per lo stoccaggio e il trasporto.

Esistono reti di vari tipi e varie dimensioni, in base alle necessità di raccolta. Per gli oliveti in piano, anche di grandi dimensioni, per esempio, vengono stese reti molto grandi unite fra loro, in modo da formare una sorta di tappeto uniforme che ricopra più superficie possibile, in modo da non doverle spostare troppo spesso.

Per la raccolta di piante singole o poste in posizioni impervie, invece, si utilizzano le reti spaccate al centro, più facili da movimentare in questi casi: sono in grado di abbracciare il tronco dell’albero e ricoprire tutta la superficie di terreno su cui ricadono i rami e si spostano facilmente da una pianta all’altra.

I metodi e gli attrezzi per la raccolta



La raccolta manuale delle olive


Le metodologie di raccolta manuale provengono direttamente dal passato, dalle tradizioni più antiche e vengono praticate tutt’oggi perlopiù in oliveti di dimensioni “familiari”.

• Brucatura: questa è la tecnica di raccolta a mano più pura, che non prevede l’uso di attrezzo alcuno, se non le mani. Non è necessario neanche stendere le reti sotto la pianta.

• Pettinatura: in questo caso la raccolta manuale gode dell’ausilio di piccoli rastrelli che facilitano e velocizzano la raccolta delle olive, per cui comincia a rendersi necessario l’utilizzo delle reti.

• Raccattatura: tecnica mai raccomandabile, che consiste nella raccolta delle olive cadute a terra spontaneamente, a seguito di una maturazione eccessiva – il che comporta la produzione di un olio di scarsissima qualità.

La raccolta con macchine agevolatrici


• Abbacchiatura: la moderna pratica dell’abbacchiatura trae ispirazione da quella tradizionale, che veniva praticata mediante l’uso di lunghe canne con cui i rami venivano battuti per provocare il distacco e la caduta delle olive. Oggi a svolgere questa funzione sono delle lunghe aste telescopiche alla cui testa vi sono dei “pettini” vibranti e/o oscillanti. Le aste possono essere alimentate ad elettricità, usando le batterie delle auto, o attraverso l’energia pneumatica alimentata da appositi motocompressori.

raccolta olive cassette

Questo tipo di raccolta è ideale su piante ordinate e potate con cura, mentre è più difficoltoso sulle piante irregolari.
Molto importante è la perizia dell’operatore: i pettini delle aste possono risultare aggressivi sulla pianta e vanno, quindi, movimentati con cura e attenzione.

• Scuotitura: l’attrezzo utilizzato per la scuotitura è composto da un’asta che termina con un gancio che va inserito sul ramo dell’olivo. Quando l’attrezzo viene azionato, per mezzo di un motore a scoppio che si trasporta con una specie di zaino, va a scuotere il ramo a cui è fissato, provocando la caduta delle olive.
Rispetto all’abbacchiatura questo sistema è più veloce e rispettoso della pianta, ma anche più costoso.

La raccolta con macchine di grandi dimensioni


Queste sono le tecniche che si vanno affermando nell’olivicoltura di tipo professionale.

• Vibratori al tronco e alle branche: si tratta di attrezzature autonome, in grado di spostarsi da una pianta all’altra, dotate di una sorta di ombrello per la raccolta delle olive, che sfruttano lo stesso principio delle macchine scuotitrici: queste però si fissano al tronco o alle branche e, esercitando una vibrazione che da lì si propaga su tutta la pianta o su parte di essa, provocano il distacco delle olive.

Questo sistema di raccolta è molto efficiente e rispettose delle piante, anche se piuttosto costoso e non adatto agli oliveti in pendenza.

• Trattrice: tutti i tipi di bacchiatori meccanici descritti sono disponibili anche in versione non autonoma, ovvero da attaccare alla trattrice agricola, in modo da essere azionati dalla sua forza motrice.




Acquista i nostri prodotti

Produciamo olio extravergine d'oliva monocultivar, oli aromatizzato, olive da tavola e patè. BUONI, NATURALI, 100% QUALITA' ITALIANA. Nessuna intermediazione industriale, sosteniamo i produttori italiani riconoscendo loro il giusto valore.


Scopri tutti i prodotti
testo banner ita